fbpx
Home » #Cosebelle: le mie 5 cose belle di Berlino

#Cosebelle: le mie 5 cose belle di Berlino

east side gallery

Berlino è una città eclettica e in continuo cambiamento. Ecco la lista delle 5 cose che mi piacciono di più della capitale tedesca:

#cosebelle di Berlino: L’architettura

Ogni architetto, o aspirante tale, dovrebbe mettere piede almeno una volta nella vita a Berlino. La città è un museo a cielo aperto e raccoglie alcuni tra gli edifici più significativi nel mondo. Giusto per elencarne qualcuno:

  • La cupola del Parlamento di Norman Foster

Uno dei luoghi più visitati della capitale tedesca, probabilmente anche perché è gratis! E’ possibile prenotare online  con largo anticipo, oppure, direttamente negli uffici di fronte al parlamento due giorni prima della visita.

  • Il museo ebraico di Libeskind

Si tratta del museo ebraico più grande in Europa. Inaugurato nel 2001, il museo non ha nessuna funzione in particolare se non quella di raccontare la storia degli ebrei in Germania. Visitarlo è stato come entrare in una gigantesca scultura. Un’esperienza segnante.

  • La Shell-house di Fahrenkamp

È un immenso edificio multipiano direzionale costruito negli anni ‘30 nel quartiere di Tiergarten. La facciata ondulata ricorda il movimento dell’acqua. Oggi è sede della GASAG, la società del gas di Berlino.

  • la Neue Nationalgalerie di Mies Van Der Rohe

Il museo è stato inaugurato nel 1968 e progettato da Lugwig Mies Van Der Rohe per ospitare opere d’arte del ventesimo secolo. Costruito interamente in vetro e acciaio, si ha l’impressione che il tetto galleggi in aria.

#cosebelle di Berlino: la street art

Io ho un debole per la street art e a Berlino si possono trovare murales coloratissimi praticamente in ogni angolo.
Il luogo immancabile per chi, come me, è appassionato di street art è l’East Side Gallery: 1, 3 km di murales coloratissimi e originali, realizzati da artisti internazionali accorsi nella capitale tedesca per celebrare la libertà dopo la caduta del muro. Il dipinto più celebre è probabilmente quello che raffigura del “bacio fraterno socialista” (My God, Help Me to Survive This Deadly Love).  
Il quadro è la riproduzione della fotografia scattata nel 1979 dal fotografo Regis Bossu che ha immortalato il bacio tra Erich Honecker e Leonid Brezhnev, rispettivamente Segretario generale dell’URSS e presidente della DDR. Si tratta di un saluto comune tra i leader politici comunisti che lo vedevano come una formalità, nulla di malizioso.

#cosebelle di Berlino: il verde

 L’immaginario collettivo tende a vedere ancora Berlino come una città grigia e spenta. In realtà la capitale tedesca è disseminata da spazi verdi, parchi, laghi, piste ciclabili che la rendono una delle città più green e ecosostenibili d’Europa. 

Oltre al Tiergarten, il famoso parco nel cuore di Berlino, ho avuto la possibilità di visitare Wannsee, probabilmente il quartiere più ricco della capitale, situato nell’angolo sud-occidentale della città e famoso per i suoi luoghi naturali. A Wannsee, oltre all’omonimo lago, c’è la Pfauninsel (“isola dei pavoni”), un’isoletta posta in mezzo alle sponde del fiume Havel, raggiungibile solo attraverso il traghetto e abitata da una colonia di pavoni liberi di strillare e pavoneggiarsi per le strade.

#cosebelle di berlino: il cibo

Berlino non è solo carne e patate.

In realtà, la città ospita un numero sempre maggiore di vegetariani e stranieri e il cambiamento della popolazione si riflette inevitabilmente nella cucina.
In 3 giorni a Berlino, ho mangiato vietnamita, giappo-americano, thai, bavarese, hawaiano e ho capito che la nuova cucina berlinese è fusion.
E comunque non importa cosa mangi, finché lo annaffi con della buonissima birra tedesca.

cibo fusion a berlino

#cosebelle di Berlino: il vuoto a rendere

Per le strade di Berlino ho visto un signore allungare una bottiglia di plastica vuota a un barbone e mi sono detta: ma che davvero?

Poi ho capito. In Germania per incentivare il riciclo di materiali difficilmente smaltibili dall’ambiente, come il vetro o la plastica, sono state adottate soluzioni super convenienti, per l’ambiente e per il cittadino. Nei supermercati si trovano delle macchine che erogano voucher in denaro in cambio bottiglie riciclabili. Tanto per dire, per una bottiglia di plastica si ottiene un credito di 25 cent e per una di vetro 8 cent!

Sì, è per questo che in tantissimi a Berlino rovistano nella spazzatura: sono in cerca di bottiglie!

Follow:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *